Seleziona una pagina
16 fatti poco conosciuti sui templi mormoni

16 fatti poco conosciuti sui templi mormoni

I templi della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi giorni, sono considerati luoghi di culto sacri dai suoi membri.

Ci sono oltre 143 templi operativi in tutto il mondo e avvenimenti di cui non avete sentito parlare prima. Il primo articolo di questa serie, parlava di 20 cose interessanti riguardo ai templi, qui invece, vi presentiamo 16 fatti poco noti sui templi mormoni.

1. Il tempio più alto è quello di Washington D.C. con una guglia che raggiunge gli 88 metri.

Tempio Washington2. Il tempio è stato dedicato nel 1974, con il maggior numero di sessioni dedicatorie avvenute in un anno.

3. L’attuale tempio di Nauvoo, Illinois, è stato dedicato in occasione del 158° anniversario del martirio di Joseph e Hyrum Smith.

Tempio di Nauvoo4. Il Tempio di Salt Lake City, Utah, è stato il primo sul quale è stato posto l’angelo, formalmente identificato come Moroni.

L’angelo è stato progettato da un residente di Springville, Utah, Cyrus Dallin, che non era un membro della chiesa. Quando il presidente Wilford Woodruff gli chiese di progettare l’angelo, egli disse a sua madre che non avrebbe dovuto accettare il lavoro, perché non credeva negli angeli. “Perché mi dici questo?” chiese sua madre, secondo il sito LDS.org. “Tu non mi chiami, forse, la tua mamma angelo?”. Dallin disse, in seguito, di questa esperienza: “Ritengo che il mio ‘Angelo Moroni’ mi abbia portato più vicino a Dio di qualsiasi altra cosa io abbia mai fatto. Mi sembrava di essere venuto a sapere il significato della comunicazione con gli angeli dal cielo.”Tempio di Salt Lake5. Il tempio di Colonia Juárez Chihuahua, Messico, è stato il primo della nuova generazione di piccoli templi, costruiti al di fuori degli Stati Uniti, con un’unica sala delle ordinanze e una dei suggellamenti.

Tempio di Chiuaua6. Il primo tempio in Europa è stato il tempio di Berna, Svizzera, dedicato nel 1955. Il primo a non avere l’inglese come lingua principale.

Tempio Svizzero7. Il Tempio di Londra, Inghilterra, dedicato nel 1958, è stato il secondo tempio ad essere costruito in Europa. Dopo ventisette anni fu edificato il tempio di Friedberg, Germania, dedicato nel 1985, cinque anni prima della riunificazione della Germania.

8. Tre templi non hanno torri o campanili e assomigliano al Tempio di Salomone: il Tempio hawaiano di Laie, il Tempio di Cardston, Alberta e il tempio di Mesa, Arizona.

Tempio Alberta9. Le prime dotazioni per i morti, furono eseguite nel tempio di St. George, Utah.

10. L’artista mormone Tom Holdman, ha progettato ogni finestra del tempio di San Antonio, in Texas.

Le sue opere in vetro colorato, appaiono anche nel Tempio di Palmyra, New York, nel tempio di Nauvoo, Illinois, nel tempio di Winter Quarters, Nebraska, nel Tempio di San Paolo, Brasile, nel tempio di Manhattan, New York, nel Tempio di Laie, Hawaii, nel Tempio di Draper, Utah, nel tempio di Twin Falls, Idaho, nel tempio di Rexburg, Idaho, nel tempio di San Salvador, Salvador e nel Tempio di Gilbert, Arizona. L’artista mormone Tom Holdman, ha progettato anche una vetrata ed altre sette nuove opere, per il tempio di Roma, Italia.  Sala del Tempio11. Nel giugno del 2009, un fulmine ha colpito il tempio di Oquirrh Mountain, Utah, danneggiando la tromba, il braccio e il viso di Moroni. La riparazione è avvenuta dieci giorni prima della dedicazione del tempio.

Tempio Oquirrh12. Solo due templi mormoni sono stati completamente distrutti.

Il Tempio di Nauvoo, Illinois, fu distrutto da un incendio doloso nel 1848, poi ricostruito e riconsacrato nel Giugno del 2002. Il tempio di Apia, Samoa, dedicato nel 1983, fu distrutto da un incendio nel 2003, e ricostruito e riconsacrato nel Settembre del 2005.Tempio di Samoa

13. I primi 50 templi sono stati dedicati nell’arco di 120 anni. Le successive 50 dedicazioni sono invece avvenute in soli 3 anni.

14. Poiché in Asia lo spazio per costruire è costoso e limitato, la Chiesa ha demolito alcune case di missione, per costruire dei templi al loro posto. Il Tempio di Fukuoka, Tokyo, il tempio di Hong Kong, Cina, il tempio di Seoul, Corea e il Tempio di Taipei, Taiwan, erano ex case di missione.Asia

15. Il tempio di Boston, Massachusetts, è stato dedicato senza la sua guglia e l’Angelo Moroni, a causa di una disputa con i residenti locali sulla necessità di avere una guglia.

Un giudice originariamente, aveva stabilito che “la guglia non era un elemento necessario della religione mormone”. La Corte Suprema ha annullato la decisione del giudice nel corso dell’anno successivo, affermando: “un rosone presso la Cattedrale di Notre Dame, un balcone nella Basilica di San Pietro, sono i giudici a decidere se questi elementi architettonici sono ‘necessari’ alla fede servita da questi edifici?”. I giudici hanno concluso che “non sono i giudici a determinare se l’inclusione di un elemento architettonico particolare, è ‘necessario’ per una particolare religione”. La guglia e la statua dell’angelo Moroni sono stati successivamente aggiunti al tempio.Boston

16. Quattro nuovi templi saranno dedicati nei prossimi mesi.

Il tempio di Córdoba, Argentina, sarà dedicato a maggio del 2015. Il tempio di Payson, Utah, accoglierà i visitatori nel mese di aprile e sarà dedicato a maggio. Il tempio di Trujillo, Peru, sarà dedicato a giugno e il Tempio di Indianapolis, Indiana, ad Agosto.Tempio di Payson

Risorse aggiuntive:

Se volete saperne di più, sui mormoni, cliccate qui.

Il “San Pietro” mormone di Roma

Il “San Pietro” mormone di Roma

Un nuovo tempio dei Santi degli Ultimi Giorni sta sorgendo nella capitale romana, all’orizzonte del Vaticano.

tempio-italianoAlla periferia di Roma, lungo l’antico percorso di pellegrinaggio cattolico, conosciuto come Via Francigena, non lontano da un grande complesso di centri commerciali, vengono innalzate guglie imponenti sulla cima di un tempio mormone.

Il tempio romano, mormone, è stato costruito dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, per ospitare una comunità di circa 30.000 membri della chiesa.

Il complesso del tempio di Roma sarà caratterizzato da giardini lussureggianti e un design che si ispira alla piazza Capitolina di Michelangelo, che si affaccia sul foro romano.

Il marmo proveniente dall’Italia, dalla Spagna, dalla Turchia e dal Brasile, viene utilizzato per decorare la parte interna ed esterna del tempio. L’ampio sito, oltre al tempio, comprenderà anche una casa di riunione, un centro visitatori, una biblioteca di storia familiare e una casa per gli ospiti del tempio, in cui alloggeranno i membri della Chiesa che desiderano servire nel tempio.

Esso è il primo tempio mormone ad essere costruito in Italia e il dodicesimo in Europa. Una volta terminata la fase di costruzione, esso sarà aperto al pubblico per un breve periodo, per dare la possibilità a tutti coloro che lo desiderano, di effettuare visite gratuite guidate.

Il tempio risponde alle necessità dei mormoni italiani, afferma il Presidente del Palo di Roma, Massimo De Feo. Attualmente, i membri della chiesa che desiderano svolgere il lavoro di tempio, che è parte integrante del culto Mormone, devono recarsi al tempio di Berna, Svizzera.

Il costo per la costruzione del tempio non viene divulgato. “Abbiamo pagato tutto di tasca nostra, spiega il portavoce dei Santi degli Ultimi Giorni di Roma, Alessandro Dini Ciacci. “Noi non divulghiamo i costi specifici delle nostre operazioni.”

In Italia ci sono attualmente 103 congregazioni, suddivise per grandezza in rami, rioni, distretti, pali e missioni. La più alta concentrazione di membri della chiesa si trova al nord, con il 53 per cento di mormoni, seguito dal 29 per cento al sud e dal 18 per cento nelle regioni centrali.

Riconoscimento giuridico della Chiesa, da parte dello Stato italiano

Nel 1964, solo 230 membri della chiesa furono autorizzati a svolgere il lavoro missionario in Italia. La Chiesa mormone ottenne la qualità di “culto ammesso” il 12 maggio 1993, in seguito alla pubblicazione del decreto del presidente della Repubblica del 22 febbraio 1993, tramite il quale l’ente morale della Chiesa, l’Ente patrimoniale della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, fu riconosciuto come ente di culto da parte dello Stato Italiano, ai sensi della legge n. 1199 del 1929 sul riconoscimento civile degli enti di culto.

Il 4 aprile 2007 venne stipulato un testo di intesa con il Governo italiano, diventato effettivo nel 2012 senza passare attraverso l’iter parlamentare. Nel testo, viene preso atto che la Chiesa non intende partecipare alla ripartizione della quota dell’otto per mille, in quanto autonoma finanziariamente grazie alle donazioni volontarie dei propri fedeli.

Secondo Massimo De Feo, presidente del Palo di Roma, la costruzione del tempio di Roma è a dir poco un miracolo.

Il Cardinale Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontificia Accademia per la Vita e stretto consigliere degli ultimi tre papi, in un recente forum pubblico sul dialogo interreligioso, ha dichiarato:

“La buona notizia è certamente il fatto che la costruzione di questo nuovo tempio ha creato nuovi posti di lavoro, e questo è un bene che viene dalla loro ricchezza”.

“I mormoni non sono pericolosi per la fede cattolica. Ognuno ha il diritto di fare le proprie scelte di fede e di adottare le misure necessarie, per costruire il proprio quartier generale e professare la propria fede”, dice monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma.

La religione mormone è la decima comunità più grande in Italia e quella in più rapida crescita. La costruzione della nuova casa di culto, che è il tempio di Roma, sarà una benedizione sia per i membri della chiesa che per la collettività.

“Questo è un giorno di ringraziamento”, ha detto il presidente De Feo quando Thomas S. Monson, il Presidente della Chiesa, ha annunciato la costruzione del tempio di Roma nel 2010. “Penso che questo sia il più bel tempio del mondo.”

Risorse aggiuntive:

Se volete saperne di più, sui mormoni, cliccate qui.

Il Sindaco di Roma visita il sito della costruzione del Tempio Mormone

Il Sindaco di Roma visita il sito della costruzione del Tempio Mormone

Il sindaco di Roma, ha visitato il sito della costruzione del Tempio Mormone italiano di Roma. La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, costruisce templi in tutto il mondo. Il 4 ottobre del 2008, il Presidente Thomas S. Monson, durante la conferenza generale della Chiesa trasmessa in tutto il mondo, ha annunciato la costruzione del primo tempio italiano a Roma.

I piani per la costruzione di un Tempio a Roma

Thomas-S-Monson-mormoneThomas S. Monson, presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, il 23 ottobre 2010, ha diretto la cerimonia della posa della prima pietra.

Le strutture che faranno parte del sito religioso e culturale della Chiesa saranno: un tempio, una casa di riunione, un centro visitatori, un centro genealogico di storia familiare e una casa per gli ospiti del tempio, il tutto circondato da bei giardini.

 

Il sito http://www.ldschurchtemples.com/rome/ descrive di seguito, i sentimenti provati durante l’annuncio della costruzione del tempio:

“I membri italiani hanno accolto l’annuncio del tempio Italiano di Roma con forte entusiasmo, come quello vissuto allo stadio, durante gli ultimi secondi di gioco di una partita”, ha spiegato l’allora Presidente del Palo di Roma, Massimo De Feo, durante un’intervista.

Nel momento in cui il Presidente Thomas S. Monson, ha annunciato la costruzione del tempio di Roma, si è udito un sussulto di gioia e di sorpresa all’interno del Centro delle Conferenze .

Che cos’è un Tempio Mormone?

I templi della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, non sono luoghi ordinari di culto. Essi sono diversi dalle diverse migliaia di cappelle sparse in tutto il mondo, chiamate anche case di riunione, in cui i membri della Chiesa si riuniscono ogni domenica.

Chiunque può entrare liberamente all’interno di una casa di riunione della Chiesa e partecipare alle riunioni domenicali, mentre per entrare nel tempio bisogna essere membri della Chiesa e tener fede alle alleanze fatte al momento del battesimo.

La storia della Chiesa in Italia

La crescita della Chiesa in Italia non è stata priva di opposizioni. Soltanto tre anni dopo l’arrivo dei Santi nella valle del Lago Salato, Utah, sbarcarono i primi missionari in Italia a Genova, il 25 giugno del 1850, fra i quali anche Lorenzo Snow, che successivamente diventò il quinto presidente della Chiesa.

Durante i successivi 3 anni, furono battezzate 221 persone e organizzati i primi rami e rioni. L’opera di proselitismo in Italia si fermò agli inizi del 1860, a causa di opposizioni da parte del governo locale. Nel 1900 fu fatto un tentativo per riaprire il lavoro missionario in Italia, ma il governo lo rifiutò.

La Chiesa in Italia venne finalmente ristabilita nel 1951, in seguito alla conversione di Vincenzo di Francesca, il quale trovò una copia del Libro di Mormon bruciata, priva di copertina e titolo.

Il complesso del Tempio di Roma

Il Tempio Italiano di Roma sarà il punto centrale di un complesso di edifici culturali e religiosi di grande significato per la Chiesa. Il complesso includerà le seguenti strutture:

  • Tempio. Un edificio per l’adorazione e lo svolgimento di sacre ordinanze.
  • Un centro di Palo (casa di riunione). Una cappella per le riunioni domenicali e per gli incontri o attività infrasettimanali.
  • Centro visitatori. Un edificio in cui i visitatori potranno apprendere riguardo alla Chiesa e in cui si trova la statua del Christus di Bertles Thorvaldsen.
  • Un centro genealogico e di Storia Familiare. Una biblioteca per la storia familiare aperta al pubblico, in cui potranno essere utilizzati gratuitamente tutti gli strumenti per le ricerche genealogiche.
  • Una casa per gli ospiti del tempio. Una struttura in cui alloggeranno coloro che vengono da lontano, per svolgere il lavoro di tempio.
  • I Giardini. Un panorama che circonderà l’intero complesso, ben tenuto e curato nei dettagli, per creare un’atmosfera di pace e serenità, di cui i visitatori potranno beneficiare.

Commenti di apprezzamento del Sindaco di Roma

“Un rappresentante della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, l’Anziano Teixeira, ha offerto al comune di Roma il supporto della Chiesa per cooperare in progetti di servizio e offrire assistenza in situazioni di emergenza, dovute a disastri naturali o altre calamità.

Alla fine dell’intervista con i giornalisti, il Sindaco Alemanno, ha espresso il suo apprezzamento per le attività di servizio svolte dalla Chiesa e dai suoi membri a Roma. Egli ha affermato, che il lavoro che la Chiesa svolge per proteggere i valori della famiglia, è un contributo positivo alla vita della città”.

Risorse aggiuntive:

Se volete saperne di più sui mormoni, cliccate qui.

Tempio di Roma, Italia

Tempio di Roma, Italia

 

Preparazione per la cerimonia del primo colpo di piccone, sabato 23 ottobre 2010
Luogo: Via di Settebagni, 376, Roma, Italia.
Sito: 14,8 ettari.
Annuncio: 4 ottobre 2008
Il presidente Thomas S. Monson presiederà alla cerimonia inaugurale per il Tempio di Roma, Italia sabato 23 ottobre 2010, in quell’occasione sarà rivelato il progetto architettonico del tempio.

La partecipazione è strettamente limitata ai dirigenti del sacerdozio invitati, e ad ospiti speciali. Tuttavia, i lavori della cerimonia saranno trasmessi in ogni cappella in Italia di domenica, 24 ottobre, in modo che tutti possano partecipare.

Disegno del Tempio Mormone di Roma

E’ stato progettato un bel complesso di edifici che includono il tempio, un centro di palo, un centro visitatori, e un ostello per quelli che vanno al tempio. Anche se, per la costruzione del tempio era stata concessa solo una piccola parte del sito, le recenti modifiche della zona, un miracolo in se stesso, permettono di utilizzare l’intera parte di terreno per la costruzione di questi edifici.

Sito del Tempio

Il Tempio di Roma, Italia, sarà costruito in posizione elevata, e che si estende su un sito di 15 ettari a nord-est di Roma, vicino al Grande Raccordo Anulare, la strada circolare (tangenziale) che circonda la città. Il sito pittoresco di campagna, punteggiato da uno magnifico  uliveto, si trova alla periferia della città in un ingresso dell’autostrada.

I cantieri di Roma devono essere esaminati prima che venga permesso di iniziare le costruzioni, a causa delle rovine romane. L’ispezione viene effettuata scavando dei fossi ogni pochi metri in tutta la proprietà. Il giorno in cui la proprietà del tempio era da controllare, i membri della Chiesa di Roma fecero un digiuno speciale. In tutta la proprietà non vennero trovati resti archeologici, ma fu scoperto un antico villaggio romano a soli 100 metri oltre la linea di confine della proprietà. La Chiesa  aveva acquistato la proprietà alla fine degli anni novanta.

Tempio di Roma: Annuncio

“I membri italiani hanno ascoltato l’annuncio del tempio di Roma, Italia con l’animazione e l’entusiasmo che ci si aspetterebbe di vedere in un palazzetto dello sport nel corso di un goal all’ultimo secondo”, ha spiegato il presidente Massimo De Feo, presidente del Palo di Roma Italia, in una recente intervista.

Ha aggiunto che dall’annuncio del tempio, il palo sta assistendo, per la prima volta, al battesimo nella chiesa di intere famiglie. Solo negli ultimi cinque anni, il numero dei pali in Italia è passato da tre a sei.

E la presenza dei santi italiani al tempio, al lontano Tempio di Berna, Svizzera, è stata molto più alta più che quella di qualsiasi altro paese nel distretto del tempio.

Nel Centro Conferenze, l’ annuncio del presidente Thomas S. Monson di un tempio da costruire a Roma  aveva prodotto ampi sorrisi e un’esclamazione di sorpresa udibile dalla congregazione, il sabato mattina, durante la sessione della Conferenza Generale di ottobre 2008.

Tempio: fatti

Il Tempio di Roma Italia sarà il dodicesimo tempio costruito in Europa, e il primo costruito in Italia e nella regione del Mediterraneo.

Una villetta italiana, incantevole, che si trovava nel punto più alto del sito del tempio, è stata rasa al suolo per far posto al Tempio di Roma. La villetta ha servito per un certo periodo per alloggiare i missionari a tempo pieno.

Storia del Tempio di Roma

La crescita della Chiesa in Italia non è stata priva di opposizione. Solo tre anni dopo che i santi erano arrivati nella valle di Salt Lake, i primi missionari giunsero a Genova, in Italia, il 25 giugno 1850, tra essi c’era l’anziano Lorenzo Snow, che sarebbe diventato il quinto presidente della Chiesa.

Nel corso dei prossimi tre anni, 221 persone furono battezzate e organizzate in tre rami. Ma la maggior parte del proselitismo in Italia, smise nel 1860 di fronte all’ opposizione locale ed a causa della richiesta dei dirigenti della Chiesa, che i membri italiani emigrassero in Utah. Un tentativo di riaprire il lavoro missionario in Italia nel 1900 fu respinto dal governo.

La Chiesa fu alla fine ristabilita in Italia nel 1951, a seguito della conversione di Vincenzo di Francesca, a cui capitò di trovare una copia bruciata del Libro di Mormon, con copertina e frontespizio mancanti. Gli italiani che si erano uniti alla Chiesa in altri paesi cominciarono a tornare in Italia, in questo periodo.

Frequentavano la  chiesa con i militari americani di stanza in Italia in vari rami. Entro la fine del 1964, la Chiesa aveva 229 membri in Italia. Quello stesso anno, l’anziano Ezra Taft Benson, un apostolo che sarebbe diventato il 13 ° presidente della Chiesa, rivolse una petizione al governo per chiedere  il permesso di riprendere il lavoro missionario. Il permesso fu concesso, e i missionari cominciarono a fare proselitismo il 27 gennaio 1965.

Per il 1978, l’adesione era cresciuta fino ad oltre 7.000 persone, ed un aumento sino a 14.000 membri entro il 1990. Oggi ci sono oltre 22.600 membri organizzati in 6 pali e 7 distretti.

Sebbene il lavoro missionario era stato consentito in Italia sin dal 1964, la Chiesa iniziò nel 2000 il lungo processo di ricerca di un concordato con il governo, che avrebbe concesso lo status legale.

Questo status era stato  concesso alla Chiesa Cattolica in un Concordato firmato da Mussolini, una relazione che è stata perpetuata nella costituzione post-fascista in Italia. Dal 1984, però, la Chiesa cattolica ha dovuto condividere questo livello di riconoscimento del governo con le altre religioni presenti in Italia.

Le chiese approvate diventano concordatarie, ricevono fondi fiscali e hanno altri diritti da parte del governo simili a quelli ricevuti dalla Chiesa Cattolica

A un caminetto a Londra, l’anziano Kenneth Johnson del Primo Quorum dei Settanta ha riferito eventi correlati che hanno contribuito al riconoscimento ufficiale della Chiesa da parte del Governo italiano.

Nel mese di ottobre 2006, aveva accompagnato altri dirigenti di alto livello della Chiesa, tra cui l’anziano Dieter F. Uchtdorf, ad un incontro a Roma per presentare il caso della Chiesa al governo. Il presidente Uchtdorf  fece  notare la presenza prolungata della Chiesa e la  sua reputazione in Italia, ma il funzionario del governo, che presiedeva, sembrava impassibile.

Raccontò, invece, che era andato -in incognito- sino a Salt Lake City, in preparazione della riunione. Due sorelle missionarie italiane gli avevano fatto da guida sulla Piazza del Tempio.

Egli notò la profonda impressione lasciata su di lui da queste due cittadine italiane, e poi chiese, quando la Chiesa avrebbe potuto costruire un tempio a Roma. “Una volta che questi documenti saranno firmati” rispose l’anziano Uchtdorf.

L’ufficiale firmò. Il 4 aprile 2007, firmò anche il Primo Ministro Prodi, e poi il documento proseguì il suo iter verso il Parlamento.

Con il riconoscimento legale ancora in fase di stallo in Parlamento alla fine del 2009, la Chiesa decise di assumere un faccendiere di Washington, DC, per ottenere l’approvazione.

A. Elizabeth Jones, una ex dipendente di alto livello del Dipartimento di Stato, e ambasciatrice in Kazakistan, che ora è un vice presidente esecutivo di APCO Worldwide, si sta interessando all’ambasciata Usa in Italia, a sostegno della domanda della Chiesa. L’ Intesa un termine italiano, riferito a una ‘”intesa” con il governo-avrebbe portato alcuni privilegi e avrebbe anche facilitato l’autorizzazione dei vescovi di celebrare matrimoni civilmente riconosciuti, e reso più agevole il rinnovo dei visti per i missionari.

Il 13 maggio 2010, il Governo italiano, o Consiglio dei ministri, ha approvato un’intesa con la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, garantendo alla Chiesa in Italia lo status più elevato dato alle religioni.

Questa azione eleva il riconoscimento giuridico della Chiesa da fondazione di beneficenza a religione ufficiale. Resta solo qualche altra formalità che l’Intesa diventi legge.

Il Tempio Mormone, per cui si è pregato a lungo, sarà edificato a Roma

Il Tempio Mormone, per cui si è pregato a lungo, sarà edificato a Roma

Un collettivo sussulto e dei mormorii messi a tacere si diffusero nel Centro delle Conferenze Mormone, ma per due persone, Pietra Wall e Salvatore “Sal” Velluto, la reazione all’annuncio di Thomas S. Monson, presidente della Chiesa Mormone, sabato scorso era meno contenuto e più  personale.

Quanto i due immigrati italiani e convertiti alla chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni hanno sentito la notizia di un tempio Mormone in programma a Roma, per loro è stata come una risposta alle loro preghiere.

Anche se non gioca alla lotteria, Wall, di 46 anni, ha detto che mentre ascoltava la conferenza nel suo salotto di Layton, l’annuncio di Monson delle località dei cinque templi è stato come aspettare che venisse chiamato il numero giusto.

Trattenne il fiato e poi, alla fine, quando per ultimo venne nominato il Tempio Mormone di Roma, le lacrime cominciarono a cadere. Per Velluto e la sua famiglia, seduti accanto al televisore, la risposta fu più di un’eruzione.

“Abbiamo gridato,” dice Velluto, 52 anni, che è rimasto emozionato per molti giorni a seguire. “Sembrava come se qualcuno avesse segnato un goal a una partita di calcio,” un’immagine facile da visualizzare, “specie se sapete quanto gli italiani siano appassionati di calcio.”

Il Tempio Mormone di Roma sarà il dodicesimo in Europa ed il primo nella regione del Mediterraneo. La scelta del luogo, anche se per molti era stata considerata a lungo in preghiera, ha sorpreso altri.

“Una delle cose che mi hanno colpito è che da una prospettiva storica, l’Italia è stata una delle missioni di minor successo” Ha detto Michael Homer, un avvocato di Salt Lake City che nei primi anni settanta svolse una missione in Italia per la Chiesa Mormone e che ha svolto delle ricerche storiche in merito a questo paese.

Nel 1849, Brigham Young mandò un piccolo gruppo di missionari in Italia, dove essi operarono sotto la direzione di Lorenzo Snow – allora membro del Quorum dei Dodici Apostoli e più tardi quinto presidente della chiesa.

Là Snow e gli altri riuscirono a predicare ai valdesi, un gruppo di una minoranza protestante che si allontanò dalla chiesa cattolica nel dodicesimo secolo, ma nelle città cattoliche venivano considerate come persone non gradite. Un solo italiano cattolico si convertì al Mormonismo nel 19esimo secolo, insieme ai 171 convertiti alla chiesa e tutti valdesi, ha scritto Homer, che discende da quei convertiti valdesi.

Verso il 1867, scrisse, Brigham Young smise di mandare i missionari in Italia, e durante i seguenti cento anni, furono fatti sforzi a dir poco sporadici e focalizzati solamente sugli abitanti delle valli valdesi.

Le dicerie riguardo ad un potenziale Tempio Mormone in Italia non sono nulla di nuovo, ha aggiunto Homer . Esse datano alla metà del 1800, scrive, quando dei giornalisti cattolici cominciarono  a pubblicare degli avvertimenti su  L’Armonia, il giornale di Torino.

Oggi, sulla scia della seconda Guerra mondiale e del concilio vaticano II del 1960 – che hanno aiutato ad aprire le porte al dialogo e all’aumentata libertà religiosa,  – in Italia ci sono due missioni della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni e più di 26,000 Mormoni italiani praticanti.

Quei numeri impallidiscono paragonati ad altri tentativi di conversioni che lasciano i cattolici italiani “più preoccupati,” dice Homer, che stima che oggi in Italia ci siano almeno mezzo milione di Testimoni di Geova ed un numero simile di Pentecostali.

Nel settembre 2000, il Salt Lake Tribune riferì i tentativi della chiesa di diventare una chiesa sponsorizzata dallo stato, o “concordata,” il ché avrebbe dato alla chiesa una fetta di dollari delle tasse – un lusso già permesso a gruppi di minoranza come i Luterani, gli Avventisti del settimo giorno, gli Ebrei, i Battisti, i Valdesi ed altri. Il processo, comunque è lento e non è stato che nell’aprile 2007 che l’allora-primo ministro firmò il documento per la chiesa dei Santi degli Ultimi giorni, ha spiegato Massimo Introvigne, direttore del Centro per gli Studi sulle nuove religioni a Torino.

Il concordato con lo Stato Italiano è stato firmato l’8 agosto del 2012 e da quel momento la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è stata riconosciuta ufficialmente come Chiesa dallo stato Italiano.

Quando si tratta dei pregiudizi contro i Mormoni, Introvigne ha detto che un tempio della Chiesa in Italia può aumentare la comprensione della religione, che è importante dato che  “la maggior parte degli italiani non ha mai incontrato un Mormone in carne e ossa.”

Il portavoce dei mass media che si occupavano della corsa alla nomina presidenziale di Mitt Romney, hanno rivelato che gli italiani hanno molta strada da fare, ha spiegato in un’intervista telefonica. Nel 47.3 % degli articoli, si menzionava la poligamia e solo nell’ 11.5 % delle storie i redattori precisavano che la pratica è proibita nella chiesa.

E per i Mormoni che vivono in Italia e che hanno dovuto andare a Berna per celebrare delle ordinanze, la costruzione del tempio renderà loro possibile fare il lavoro di tempio Mormone, e farli sentire più apprezzati dai loro confratelli a Salt Lake city, ha detto.

“Non ho parole per esprimere il fantastico cambiamento che ci sarà” . Ha commentato Wall di Layton, che ha detto che lei e suo marito erano dovuti andare al tempio Mormone svizzero per suggellarsi per l’eternità.

In un posto come Roma, dove sia l’antica architettura, che la magnificenza storica ed artistica punteggiano il panorama, molti si chiedono come un tempio della Chiesa possa adattarsi senza costituire un’ offesa .

”Questa sarà una sfida” ha detto Sal Velluto di West Jordan con una risata, prima di suggerire che l’architettura del tempio di Salt Lake in qualche modo si è ispirata alla cattedrale di Milano.

Così in un certo senso, ha suggerito, le cose giungono ad un circolo completo. Quel sentimento è risuonato anche da Monsignor Francis Mannion della Parrocchia Cattolica di San Vincenzo de Paoli a Holladay .

“Nel 1870 la chiesa cattolica costruì una cattedrale a Salt Lake City, che è il Vaticano del Mormonismo, così mi sembra abbastanza giusto, a questo punto della storia, che la Chiesa Mormone costruisca un Tempio Mormone a Roma”.

Copyright © 2018 Tempio Mormone di Roma. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.